Crostata ratatuille (salata) di L. Montersino


Prima o poi dovevo inaugurare il libro “Le mie torte salate” di L. Montersino e così, ecco a voi la mia prima frolla salata!
Vi riporto la ricetta pari pari a quella del libro.
Ingredienti
Per a pasta frolla salata:
200 gr. di farina 180w
20 gr. di fecola di patate
125 gr. di burro
45 gr di maltitolo
5 gr. di latte in polvere intero
25 gr. di parmigiano grattugiato
45 gr. di uova intere
35 gr. di tuorlo
4 gr. di sale
1 gr. di noce moscata

per la ratatouille
100 gr. di carote
100 gr. di cipolla bianca
100 gr. di patata
100 gr. di melanzane
100 gr. di zucchine
100 gr. di piselli
100 gr. di cavolfiore
50 gr. di peperone giallo
50 gr. di peperone rosso
30 gr. di olio extravergine d’oliva
300 gr. di ricotta
60 gr. di parmigiano grattugiato
30 gr. di amido di mais
sale e pepe

per il crumble al pecorino

125 gr. di farina 180w
125 gr. di burro
125 gr. di farina di mandorle
50 gr. di maltitolo
75 gr. di pecorino stagionato grattugiato
7 gr. di sale
3 gr. di pepe bianco

 

Impastare il burro morbido con il latte in polvere, il malitolo, il sale, la noce moscata e il parmigiano. Aggiungere poco per volta le uova e i tuorli e, una volta assorbito, unire 1/3 della farina miscelata con la fecola di patate. Lasciar girare la macchina per 15 secondi, quindi aggiungere la farina rimanente e ultimare l’impasto. Rivestire con la pasta una tortiera di circa 22 cm. di diametro, quindi precuocere in bianco per circa 10 minuti a 170 gradi. Tenere da parte.
Tagliare tutte le verdure a dadini e saltarle in padella con olio, sale e pepe. Unire la ricotta, il parmigiano e l’amido di mais. Tenere da parte.
Per il crumble miscelare tutte le polveri insieme in una ciotola e sabbiare con il burro non troppo morbido, sfregando il tutto tra le mani in modo da formare tanti piccoli granuli di pasta.
Farcire fino al bordo la tortiera con il ripieno di ricotta e verdure. Completare la superficie con il crumble di pecorino senza pressare e cuocere a 170° per circa 30 minuti.

2014-04-20 12.43.06

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *